A.V.P.C.M.Notizie Luglio 2010 - AVPCM

Associazione Volontari
Protezione Civile
Molinella
Vai ai contenuti
Notizie
Presentazione del giornale
Pubblicato: Venerdì, 18 Novembre 2011 13:49
Dopo  un lungo periodo di assenza dalle edicole, il nostro giornalino torna  ad "uscire"con una nuova veste tipografica, una nuova tipografia, un  Comitato di Redazione rinnovato con l'inserimento di due nuovi giovani  soci (Francesco Mimosa,Claudio Ridolfi), a tale proposito si ringraziano  gli ex collaboratori del nostro periodico Marisa Moscatelli ed Elvio  Mantovani per tutta l' attività ed il lavoro svolto.

In questo numero, vogliamo focalizzare l' attenzione dei lettori su alcuni fatti importanti che sono avvenuti all' interno ed all'esterno dell'Associazione , che noi trattiamo all' interno di questo numero, quali:

  • Il rinnovo delle cariche sociali (consiglio direttivo, revisori ecc..) avvenuta nel novembre 2009.
  • Risposta del nostro Direttore alle feroci critiche che da più parti (a livello nazionale) vengono indirizzate al sistema italiano di Protezione Civile, dopo una lunga parentesi di elogi e riconoscimenti di tutti i tipi.
  • L' esercitazione/addestramento "terre di pianura" avvenuta il 14,15,16 Aprile 2010, che ha coinvolto i volontari di protezione civile delle province di Bologna, Modena, Ferrara. Con campo base a Molinella nell'area ex zuccherificio, responsabilità organizzativa del nostro Presidente Floriano Frabetti. Coinvolgimento dei Comuni di Budrio,Granarolo, Baricella,Minerbio, Malalbergo, Molinella ed Argenta., e presenza complessiva di oltre 500 volontari di p.c. Purtroppo l'avvenimento non ha avuto sui mass media nazionali e locali la risonanza dovuta!
  • Continua la pubblicazione dei nostri mezzi, materiali, automezzi in dotazione, in questo numero parliamo degli automezzi.
  • Volutamente ed in modo sistematico abbiamo pubblicato tutti i servizi fatti dalla nostra Associazione nei primi sei mesi dell' anno per rispondere alle critiche (non documentate) che qualcuno più o meno in buona fede ci rivolge!
  • Parliamo di sicurezza (tema fondamentale per tutti).
Il presente numero è stato "chiuso" il 28/6/2010.
Il Comitato di Redazione
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
CUI PRODEST ? ( A chi giova?)
Pubblicato: Venerdì, 18 Novembre 2011 13:24
Ormai  sul palco delle televisioni si sono avvicendati tutti. Il girotondo che  si fa ogni giorno sotto i nostri occhi abbaglia gli spettatori :  veline, tronisti, protagonisti del jet- set, giornalisti che  pontificano,attori senza futuro ,cantanti sfiatati,attrici in astinenza  da lavoro,presentatori strapagati per raccontare fantasie quotidiane. In  questa marmellata i Volontari non ci sono e non vogliono esserci. La  Protezione Civile è una cosa seria, perdiana! Ed allora, chiederete voi,  perché non se ne parla più? Avete ragione, tanto di cappello. Siamo  stati elegantemente quasi dimenticati. Dalla serie A siamo stati  buttati alla Z senza alcuna colpa e senza aver perduto una sola partita.  Molta stampa non è stata equa verso i Volontari. E’ bastato un sospetto di scandalo per gettare fango su tutti . La memoria corta è uno dei difetti degli italiani. Si  sono dimenticati che 3000 ( diconsi TREMILA !) volontari hanno lavorato  da Aprile ad Ottobre 2009 per soccorrere l’Aquila e gli aquilani.  Cosa si sarebbe fatto senza la volontarietà, senza il sacrificio, senza  l’abnegazione di coloro che, senza premi e senza prebende, hanno  lavorato per poi essere considerati da molti solamente come manovalanza?
   
La verità è una sola: senza di noi la  Protezione Civile non porterebbe acqua al mulino . Cosa abbiamo a che  fare con i grandi appalti, le fastose cerimonie, le grandi promesse e le  luci della ribalta ? I Volontari lavorano, non perdono tempo e (cosa da  non trascurare) incassano nulla.Certe dimenticanze  sanno tanto di leggerezza.Non si vuole riconoscere il merito per paura  di “ pagare dazio”, ma il dazio noi non lo vogliamo. Vogliamo essere  quelli di sempre, quelli che si gettano nel pericolo senza esitare,  quelli che affrontano le difficoltà senza mai stancarsi, quelli che,  chiamati nel cuore della notte, corrono veloci al soccorso dei cittadini  in difficoltà, quelli che non aspettano denari ma solo il ”grazie”, se  detto con il cuore ,quelli che non si curano dei sorrisi imbelli di  coloro che ci considerano dei perdigiorno. Ne abbiamo abbastanza ma se  si illudono di fiaccarci l’animo…beh, si sbagliano di grosso.
Occorre dire, però, che “la calunnia è un venticello”, come si canta nel  “Barbiere di Siviglia” e rende onore al detto: calunniate, calunniate,  qualche cosa resterà. E infatti qualcosa è rimasto. Gran parte dei mass-media ha dimenticato i meriti pur di far notizia sui supposti colpevoli  ( fino a conclusione di giudizio il “supposto” è doveroso, tanto per  ricordare che le Leggi sono le Leggi ed i gradi di giudizio vanno  rispettati!) . Vengo al punto dolente.Sul finire dell’Aprile scorso si è  svolta una esercitazione intercomunale di Protezione Civile, un  addestramento dei volontari . Tutto è passato quasi sotto silenzio anche  se, per quanto riguarda la nostra città, l’A.V.P.C.M. ha fatto da  centro e da protagonista, con i suoi uomini, le sue attrezzature, la sua  esperienza e le sue capacità.
Non si vive di solo pane( l’ho già declamato in tutte le salse!) ma  anche e soprattutto di soddisfazioni morali, di incoraggiamento e di  riconoscimento. In gran parte questo, a differenza di altre volte, ci è  mancato ma non consumeremo la poltrona, non ci metteremo in pantofole .  Eravamo, siamo e saremo in piedi perché le nostre mete non ci permettono  la sosta ed il riposo. Però che malinconia vedere cancellati, senza  ragione plausibile, i grandi slanci del volontariato che non si ferma  alla Protezione Civile, ma si irradia in tante direzioni portando  beneficio a tutti, a TUTTI. Per due ragioni a nessuno giova metterci  nell’angolo: noi ne usciremo sempre e quando la necessità sarà  impellente TUTTI chiameranno ancora una volta i volontari.
Rammento un brano di Theodoro Dreiser che dice:” La nostra civiltà è  ancora in una fase media: non del tutto bestia, perché non è più  interamente guidata dall’istinto; non del tutto umana, perché non è  ancora interamente guidata dalla ragione”. Nessuno si preoccupi, più non  favello e taccio. Ho finito.
 
Il Direttore
Gastone Quadri
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Componenti del consiglio

Pubblicato: Venerdì, 18 Novembre 2011 13:45

Consiglio Direttivo
  • Presidente: Frabetti Floriano
  • Vice Presidente:Mota Lamberto
  • Coordinatore: Solmi Angelo
  • Segretario: Monti Vincenzo
  • Consiglieri:
    • Lombardo Giuseppe
    • Chiarini Ezio
    • Frabetti Fabio
    • Uva Sergio
    • Surdo Antonino

Collegio dei Revisori Dei Conti
  • Bignami Giuliano
  • Ridolfi Claudio
  • (Terzo nominato dall'amministrazione Comunale)

Collegio dei Probiviri
  • Costa Demetrio
  • Cuzzani Gianluca
  • Maltoni Francesco
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Esercitazione / Addestramento di Protezione Civile 16-17-18 Aprile 2010

Pubblicato: Venerdì, 18 Novembre 2011 13:28
Nei momenti di emergenza sentiamo sempre parlare della protezione civile. Abbiamo già trattato tante volte riguardo all'importanza ed ai contenuti tecnico-sociali di questa realtà. Cerchiamo ora di analizzare e descrivere in maniera esauriente le procedure di organizzazione e della messa in opera dell'intervento.
Si tratta di un tema estremamente complesso che può talvolta generare interpretazioni completamente discordanti tra di loro. Gerarchicamente parlando, il massimo organo istituzionale della PC è il dipartimento nazionale. A seguire troviamo i centri operativi regionali , le agenzie regionali, i coordinamenti/consulte provinciali, i COM ed i COC. La legge 24/02/92, legge di riforma della PC, ha peraltro stabilito le tipologie di emergenza, specificando anche quali siano gli organi preposti all'intervento: Nelle emergenze di tipo A viene attivato solo il COC (centro operativo comunale) in quanto l'emergenza è perfettamente fronteggiabile con i mezzi locali. Le emergenze di tipo B sono invece più estese in quanto sono emergenze "sovracomunali". Si richiede quindi un maggiore dispiegamento di forze e l'attivazione del COM. Per chi non lo sapesse COM è l'acronimo di centro operativo misto. E' la vera e propria centrale operativa nella quale si riuniscono generalmente i rappresentanti delle varie tipologie di volontariato interessate dagli eventi, i rappresentanti delle forze dell' ordine ed i rappresentanti delle istituzioni locali. Nelle emergenze di tipo C invece la direzione delle operazioni è affidata al dipartimento nazionale. In questo articolo ciò che ci interessa maggiormente è l'analisi dell'attività del COM e del COC nelle emergenze. Precisiamo che, l'ubicazione di questi centri operativi deve essere segnalata da appositi cartelli azzurri.

L'addestramento di PC che si è svolto a Molinella tra il 16 ed il 18 Aprile è servito principalmente per collaudare il nuovo COM di Molinella ed i vari COC dei comuni interessati dagli eventi simulati. La prima giornata è stata dedicata all'allestimento del campo: sono state montate circa 15 tende, la cucina proveniente da San Giovanni in Persiceto e tutti i servizi necessari al funzionamento del campo base. Il campo è stato allestito nell'area dell'ex zuccherificio. Gli addestramenti e le esercitazioni di PC sono composti da una serie di scenari (simulazioni). La tipologia di scenario è estremamente variabile: si va dall'emergenza idrogeologica all'incidente stradale passando per la ricerca di persone scomparse. Sottolineo che questi sono solo alcuni esempi ma in realtà tutti noi volontari abbiamo affrontato anche scenari molto diversi. La differenza sostanziale tra addestramento ed esercitazione è la presenza, nel secondo caso, di altri corpi come per esempio i vigili del fuoco. Il COM quindi è il centro di coordinamento e programmazione delle operazioni. Da esso dipendono i vari COC ed il campo base. Al vertice della gerarchia campale troviamo il capocampo. In termini militareschi lo possiamo definire come una sorta di luogotenente. E' diretto responsabile del coordinamento e dell'organizzazione del campo. Durante questo addestramento, il capocampo Floriano Frabetti ha dimostrato ancora una volta la sua grande professionalità e la sua altrettanto grande capacità organizzativa. Alle dirette "dipendenze" del capocampo troviamo i delegati nominati dalle singole associazioni. Sono un importante trait-d'union tra il singolo volontario ed i capi. Svolgono funzioni di organizzazione pratica come ad esempio la compilazione del registro dei volontari presenti ed assenti e la compilazione dei registri da consegnare alla mensa per segnalare il numero dei pasti da preparare. Nel nostro caso, i colleghi Giulio Tiberio e Nobili Emanuele hanno fatto un ottimo lavoro. Sono stati risolti diversi problemi relativi al confort dei volontari e riguardo alla progressiva diminuzione dei tempi morti, due annosi problemi quasi mai presi in considerazione. L'istallazione di un buon numero di tende ha permesso quindi un maggiore riguardo nei confronti dei volontari e la parziale riduzione dei tempi morti ha consentito di testare in maniera ancora più incisiva le reali capacità operative che nel complesso si sono mostrate più che buone. All'addestramento hanno partecipato le consulte/coordinamenti di Bologna, Modena e Ferrara. La scelta dei partecipanti non è stata casuale in quanto queste consulte/coordinamenti fanno parte della colonna mobile regionale centrale. Per chi non lo sapesse, la colonna mobile regionale è sostanzialmente un'insieme di mezzi che, in caso di grossa calamità, formano una colonna automobilistica unica e si recano nelle zone interessate dal cataclisma. Chi scrive ha avuto la possibilità sia di partecipare alle classiche simulazioni, sia di operare attivamente all' interno del COM. Il campo diventa come una vera e propria piccola città provvista di tutti i beni necessari ed è collegato via radio al COM di Molinella che si trova nello stesso edificio dei vigili urbani. Il diretto responsabile operativo del centro è il comandante dei Vigili Dott. Giovanni Pezzoli.La vita al campo è scandita da
regole ed orari ben precisi, pur non essendo una esercitazione militare. Ovviamente è possibile mangiare solo in determinati orari e, in caso di chiamata, occorre seguire un preciso iter burocratico. segnalando ad esempio i nominativi ed i mezzi che interverranno durante la simulata calamità. L'esercitazione si è svolta nell'arco di tre giornate per un totale di circa 60 simulazioni. I volontari hanno risposto in massa alla chiamata: nella giornata di Sabato sono stati presenti circa 560 volontari provenienti non solo dalla PC ma anche dalla associazione carabinieri in congedo (compresi quelli del nucleo protezione civile) dall'ANPAS e dalla CRI sia civile che militare. Il ruolo dei carabinieri in congedo è quello di garantire la sicurezza del campo e dei mezzi. Il ruolo ANPAS e CRI è quello di appoggiare le unità di PC dove è richiesta l'assistenza medica. Inoltre la CRI ha fornito un buon numero di simulatori (persone che simulano infortuni dovuti al cataclisma simulato) . La fase più spettacolare è stata quella del salvataggio di persone coinvolte in un incidente ferroviario simulato presso la stazione di Molinella. Questo scenario ha visto la partecipazione di varie specializzazioni della Protezione Civile. Tirando le somme di quanto appena detto, possiamo ben essere fieri della nostra organizzazione. Sono stati attuati diversi miglioramenti rispetto agli addestramenti precedenti: è migliorato il confort dei volontari e si sono drasticamente ridotti i tempi morti. Tutto questo dimostra ancora una volta la vitalità della nostra gente, la vitalità della nostra associazione. I soliti gufi sostengono che ormai la PC non fa più nulla se non perdersi in squallide chiacchiere da bar. Ebbene, dopo aver visto tutto ciò dovranno ricredersi. Nonostante molte ristrettezze di ordine economico-sociale, la nostra associazione VIVE! Sempre i soliti penseranno che " toh guarda! i volontari della PC sfoggiano le loro nuove divise! non hanno niente di meglio da fare che farsi notare in piazza con le divise lucide?". Tutti questi personaggi dovranno ancora una volta ricredersi. Noi non eravamo la per metterci in mostra, noi non eravamo la per interessi personali. Eravamo la perché il nostro "mestiere" è fare del bene, ci stavamo solo addestrando a farlo meglio!

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Volontari partecipanti all'Esercitazione / Addestramento

Pubblicato: Venerdì, 18 Novembre 2011 13:48

Si elencano il numero di volontari AVPCM partecipanti all'Esercitazione / Addestramento di Aprile 2010
Il Presidente Floriano Frabetti, praticamente fin da alcuni mesi prima dell'esercitazione, è stato impegnato quotidianamente nella preparazione dell'evento...
  • Un volontario ha iniziato a lavorare nell'ex area dello zuccherificio da inizio mese di Aprile. (Impianto elettrico)
  • Mercoledì 14/4/2010 n.3 volontari per l'esercitazione (al campo base)
  • Giovedì 15/4/2010 n.9 volontari per l'esercitazione (al campo base). Sistemazione cucina, ecc..
  • Venerdì 16/4/2010 n.14 volontari per preparazione campo base. Ultimazione cucina, sistemazione tende, ecc.
  • Sabato 17/4/2010 al campo base dello zuccherificio n.28 volontari per le varie simulazioni dell'esercitazione.
  • Domenica 18/4/2010 al campo base dello zuccherificio n.19 volontari per le varie simulazioni e sgombero campo base.
  • Lunedì 19/4/2010 n.9 volontari per sgombero campo base.
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
L'attività dell'A.V.P.C.M. nei primi sei mesi del 2010

Pubblicato: Venerdì, 18 Novembre 2011 13:38

Qualche volta la nostra Associazione è soggetta a critiche per "presunte" inattività (secondo male informati), l'AVPCM farebbe pochi interventi per la comunità locale), ora in maniera puntuale e documentata (ordini di servizio), qui di seguito elenchiamo i servizi fatti nel c.a. fino al 1 luglio 2010, specificando che le aree d'intervento sono le seguenti:
  1. Servizi in supporto al Comune, Pro Loco, Forze dell'ordine ed altre realtà associative sportive e culturali per supporto alla viabilità stradale, incidenti stradali, calamità naturali, processioni, fiere/sagre manifestazioni sportive di vari tipi, discariche abusive, eventi vari ecc.......nell'ambito del territorio comunale.
  2. Servizi per le scuole del Comune (uscite didattiche, vigilanza passaggi pedonali davanti alle scuole di Molinella, evacuazioni , lezioni ai ragazzi sulla sicurezza.
  3. Partecipazioni ai corsi di formazione per volontari.
  4. Servizi esterni ed interni all'Associazione.
  5. Attività interna all'Associazione (i punti di riferimento per tenere in vita l' AVPCM - lavori di routine essenziali con relativi operatori).
Analizziamo ora nel dettaglio questi servizi fatti.
  1. SERVIZI PER IL COMUNE
    • Spargimento sale zona di Guarda il 5,6,7, Gennaio 2010. N°1 volontario.
    • Fornito n.6 volontari per carnevale di Marmorta.
    • Per carnevale di Molinella il 7/2/2010, fornito n.18 volontari, suddivisi in due turni.
    • Il 24/2/2010 per incidente stradale in via Romagna n.2 volontari dalle ore 15.00 alle 17.00.
    • Il 28/2/2010 per carnevale a San Pietro Capofiume fornito n.8 volontari.
    • Il 10 Marzo 2010 n.5 volontari a disposizione del Comune per servizio neve.
    • Il 26/3/2010 dalle ore 9.00 alle ore 10.00 un volontario è intervenuto in località "Alfonsoni" per un incidente alle Guarda.
    • Il 28/3/2010 n.5 volontari a Molinella per Processione delle Palme.
    • Nella cerimonia ufficiale del 25 Aprile 2010, intervenuti n.10 volontari.
    • Emergenza atmosferica dell' 11/5/2010 inviato n.2 volontari nel magazzino ex macello e n.2 nello scantinato dell'edificio comunale in p.za Martoni.
    • Per la manifestazione Pro Loco "IL MAGLIO FIORITO", fornito il seguente personale:
      • Venerdì sera 14/5/2010 n.5 volontari
      • Sabato mattina 15/5/ 2010 n.3 volontari
      • Sabato pom/sera 15/5/2010 n.6 volontari
      • Domenica pom/sera 16/5/2010 n.14 volontari
      • Lunedì sera 17/5/2010 n. 4 volontari
        totale 32 presenze di volontari (con alcuni turni notturni!)
    • Il 28/5/2010 per gara ciclistica a Molinella presenza di n.8 volontari.
    • Il 1/6/2010 per processione a Molinella n.4 volontari.
    • Il 6/6/2010 per processione a Marmorta n.2 volontari.
    • Il 6/6/2010 per processione a Molinella n.3 volontari.
    • Il 6/6/2010 - pomeriggio- a Molinella per Festa dello Sport n.6 volontari.
  2. PER LE SCUOLE DEL COMUNE
    • Il 19/2/2010 fornito n.2 volontari per spettacolo teatrale Auditorium.
    • Il 3/3/2010 fornito n.2 volontari per uscita a piedi bambini della scuola dell'infanzia (in biblioteca comu- nale).
    • Il 9/3/2010 fornito n.3 volontari per uscita didattica a Lugo (visita rocca medioevale) per i bambini della scuola dell'infanzia.
    • Il 22/5/2010 per festa di fine anno fornito alla scuola dell'infanzia di Molinella n.3 volontari.
    • Da segnalare il servizio svolto ( a turno) da n.1 volontario davanti al plesso scolastico entrata di via P. Fabbri, da gennaio a marzo, al mattino dalle ore 7.45 alle 8.15 (dal lunedì al venerdì) ed a mezzogiorno dalle 12.50 alle 13.10 (solo al lunedì, mercoledì, venerdì). Il "decano" di questo servizio è il volontario Odino Mazzanti che svolge questa attività dal 1997!
  3. PARTECIPAZIONE AI CORSI DI FORMAZIONE (organizzati da AVPCM, Regione, Consulta, Centro di formazione "Villa Tamba".
    • Il 13 Marzo 2010 nell'area ex zuccherificio di Molinella n.6 volontari hanno partecipato ad un corso (interno) sull'uso del GPS.
    • Il 20 Marzo 2010 n.15 volontari nell' ex macello hanno partecipato ad un corso fatto in collaborazione con il Centro Servizi di Villa tamba per il montaggio tende (con partecipazione di volontari di altre Asso- ciazioni)
    • Il 27 Marzo 2010 con ritrovo al magazzino ex macello di n.10 volontari per utilizzo uso pompe ad acqua.
    • L'8,15,19 giugno 2010 n.3 volontari hanno partecipato ad un corso per avvistamento antincendio boschivo estivo a Bologna (villa Tamba), corso organizzato dalla Consulta di Bologna.
  4. SERVIZI ESTERNI ED INTERNI ALL'ASSOCIAZIONE.
    • Il 28 Marzo 2010, forniti n.9 volontari all'Associazione Prometeo di Baricella (suddivisi in due turni) per l'iniziativa "porte aperte" organizzata dal F.A.I, dislocazione a Villa Aldini sui colli di Bologna.
    • 1 Maggio 2010, sui colli di Bologna, presenza di n.12 volontari AVPCM per supporto viabilità, nella corsa ciclistica "10 colli"organizzata dal Circolo ATC "Dozza", suddivisi in due turni.
    • Il 12 Maggio 2010 n.4 volontari a San Giovanni in Persiceto per revisione automezzi facenti parte della colonna mobile regionale.
    • Il 23 Maggio 2010 ad Altedo, per Festa Asparagi, fornito (nel pomeriggio) n.4 volontari.
    • Il 27/5/2010 portato automezzi a Marmota per riparazioni autoveicoli, n.3 volontari.
    • Per Olimpiadi ragazzi a Consandolo, organizzata da U.S. Reno, fornito il seguente personale:
      • Venerdì sera 28/5/2010 n. 5 volontari (collaborazione con organizzatori)
      • Sabato pomer. 29/5/2010 n.4 volontari (servizi interni ai campi di gare)
      • Domenica mat. 30/5/2010 n.4 volontari (servizi interni ai campi di gare)
      • Domenica pomer 30/5/2010 n.5 volontari (servizi interni ai campi di gare)
      • Domenica sera 30/5/2010 n.5 volontari (servizi interni ai campi di gare)
        totale n. 23 presenze
    • Nell' ambito delle Olimpiadi dei ragazzi, da segnalare il lavoro svolto da L. Benazzi nel trasporto e sistemazione materiali per conto del Comitato Olimpico Locale di Molinella.(Lavori logistici).
    • Nell' ambito dell'iniziativa"estate ragazzi", organizzata dalla Parrocchia di Molinella, fornito n.2 volontari nei seguenti giorni:
      • 8,9, 14,15, 24,28 Giugno 2010.
  5. ATTIVITA' INTERNA ALL'ASSOCIAZIONE (ROUTINE)
    Per permettere il buon funzionamento della Associazione vi sono una serie di volontari che sistematicamente svolgono un lavoro continuo e professionale, molte volte non appariscente, ma fondamentale per il buon andamento dell'AVPCM, questi soci sono:
    • Il Presidente Floriano Frabetti, che oltre alla normale attività istituzionale di Presidente è colui che cura tutto il parco automezzi dell'Associazione e segue il buon andamento dei mezzi e materiali della Associazione. Inoltre segue tutta l' attività di controllo periodico degli argini del Reno, Idice, Quaderna. Questo prezioso servizio viene svolto dal 1997 ed ha comportato la segnalazione alle autorità competenti,della presenza di non meno di 100 tane di nutrie,volpi,tassi ecc...!
    • Il Vice Presidente è presente tutti i giorni in sede per portare avanti tutta l' attività connessa con il buon funzionamento dell'Ufficio. Dovendo seguire in prima persona la contabilità , la segreteria e le varie esigenze straordinarie che si manifestano.giorno per giorno
    • Un Consigliere, che segue periodicamente in prima persona il magazzino ex macello.
    • Un Socio che tutti i giorni, esclusi i festivi, svolge il prezioso compito di tenere aperta la Sede negli orari programmati!
    • Un Consigliere che tutti i giorni aggiorna la corrispondenza via e-mail, e segue il coordinamento per le attività antincendio boschivo estivo (A.I.B.), oltre a seguire l'importante settore delle radio RCT. Inoltre questo Consigliere mensilmente svolge attività di controllo e monitoraggio argini del nostro territorio.
    • Un Consigliere che segue il coordinamento per i servizi di viabilità, e tutta l'attività per il giornalino. Inoltre a Bologna è membro del Consiglio Direttivo della Consulta Provinciale delle Associazioni di Volontariato di protezione civile. - Un Consigliere , che coadiuva il Vice Presidente ed il Consiglio Direttivo in lavori di Segreteria interna e per alcuni servizi esterni di viabilità..
      Corre l' obbligo di segnalare l' entusiasmo e l'impegno dei giovani neo Consiglieri, oltre al valido aiuto degli ultimi soci arrivati, nello stesso tempo si debbono ringraziare tutti i soci (giovani o anziani) che abitualmente danno la loro adesione a tutti i servizi richiesti oltre a quelli già citati precedentemente.
Lino Gurioli
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Gli autoveicoli dell'A.V.P.C.M.

Pubblicato: Venerdì, 18 Novembre 2011 13:40
Come avevamo promesso nel numero scorso del nostro giornale, anche questa volta vi segnaliamo la disponibilita' della nostra Associazione in fatto di attrezzature e strumenti atti a svolgere la attivita' di Protezione Civile sia per le necessita' locali che per quelle di supporto ad esigenze esterne al nostro territorio.
Per scrivere di autoveicoli e' necessario partire dal primo automezzo che l'A.V.P.C.M. ebbe in dotazione gia' dal 1997, cioe' la PANDA 4X4 gentilmente donata alla nostra Associazione dalla allora CREDIBO (ora EMILBANCA). Questo e' stato il primo supporto mobile alle attivita' appena iniziate della neonata Associazione. La necessita' di spostare diversi volontari contemporaneamente ci indusse all'acquisto di un furgone (naturalmente usato) tuttora in servizio, si tratta di un FIAT DUCATO che si usa in particolare per i gruppi di volontari che si sono occupati di sicurezza nelle scuole, ma non solo. Per le esigenze di rischio idraulico fu acquistato un fuoristrada DEFENDER assieme ad una ROULOTTE che doveva servire per eventuale uscite e per le necessita' dei volontari che dovevano prestare servizi esterni di notte. Con l'iscrizione alla Colonna Mobile Regionale e' arrivato materiale necessario per rischi idraulici, in particolare motopompe (ne abbiamo scritto nel precedente numero del nostro giornale) che, per le loro dimensioni, erano gia' dotate di carrello, pertanto il nostro patrimonio si e' arricchito di un parco di carrelli trainabili. Il parco carrelli e' stato sufficientemente integrato dalla nostra Associazione per le esigenze di trasporto del materiale da usare, attualmente siamo forniti di otto carrelli, su tre sono installate motopompe e cinque sono disponibili per il trasporto di materiale vario.

Successivamente ci siamo dotati di un altro fuoristrada DEFENDER sul quale, ultimamente e' stato montato un argano, fornito dalla regione, che serve per eventuali recuperi speciali o spostamenti e traini particolari. Tre anni fa la ditta di autodemolizioni Zerbini con sede ad Alberino ci ha fatto dono di una PANDA-VAN, autoveicolo particolarmente comodo per spostare piccole attrezzature, da usare nelle necessita' di normale lavoro di routine ed in occasioni di rischi o di calamita'. Disponiamo inoltre di una moto Enduro, che usiamo per la sorveglianza degli argini quando ci sono condizioni per le quali la bicicletta e' particolarmente scomoda. Infine abbiamo in dotazione anche una barca, montata su carrello che potrebbe servire in casi veramente gravi, la barca e' dotata di motore fuoribordo. Tutti i veicoli sono stati acquisiti negli anni usando una politica di particolare rigore economico. Naturalmente questo materiale e' quasi tutto di seconda mano, comunque in buone condizioni con semplici opportunita' di revisione e quindi reso perfettamente funzionante.
Vincenzo Monti


---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
La Protezione Civile è anche (e soprattutto) prevenzione

Pubblicato: Venerdì, 18 Novembre 2011 13:41

A volte parlando con amici un po' digiuni dell'argomento su quel che fa la Protezione Civile, ho avuto la netta sensazione che l'idea più diffusa tra la gente sia che l'unico vero compito della Protezione Civile sia quello di intervenire a seguito di episodi disastrosi per rimuovere macerie, aiutare i malcapitati, salvare il salvabile, dimenticando tutte quelle attività meno eclattanti, ma altrettanto preziose, che vengono svolte nei momenti tranquilli o in fasi di semplice preallarme che servono per evitare che le calamità accadano, cioè quella che si chiama "prevenzione".
E ciò è anche naturale: nei notiziari compaiono solo i fatti più vistosi, i grossi disastri e quindi si fa strada questa idea limitativa della Protezione Civile. I Vigili del Fuoco e i volontari che intervengono per un vasto incendio boschivo compaiono in TV, ma restano nell'ombra i volontari che svolgono turni di avvistamento per individuare i focolai e spegnerli sul nascere. Fa notizia il paese allagato a causa della rottura di un argine col conseguente intervento della Protezione Civile, ma non fa notizia il servizio sistematico che svolgono i volontari per controllare lo stato degli argini e segnalare le anomalie che ne riducono la sicurezza. Così come non fa notizia il "piccolo intervento" di una squadra di volontari per tamponare infiltrazioni d'acqua nell'argine di un fiume in piena. Non dimentichiamo però che quel "piccolo intervento" serve appunto per evitare di fare poi il "grande intervento" se l'infiltrazione facesse rompere l'argine provocando l'inondazione del paese. Questa non vuole certo essere una critica agli organi di informazione: è ovvio che solo le notizie di un certo rilievo possono essere pubblicate anche perché il pubblico viene attratto da quelle, ma vorrei semplicemente richiamare l'attenzione su tutte quelle piccole attività poco vistose e ignorate da molti, ma che sono molto importanti per la sicurezza del territorio. Ovviamente i volontari di Protezione Civile si limitano ad una collaborazione, pur sempre importante: sono comunque gli organi competenti (Regione, Comune, ecc.) ad attuare in prima persona le opere necessarie nel modo che ritengono più opportuno. Possiamo pure affermare che è prevenzione anche l'esistenza stessa di una associazione di volontari con adeguate attrezzature pronti a intervenire in caso di necessità e tutti gli addestramenti ed esercitazioni che svolgono. In tema di prevenzione, vista in un'ottica più vasta, occorre però fare un'amara considerazione: purtroppo se ne riconosce veramente l'importanza solo subito dopo che è avvenuto un evento calamitoso. Allora tutti son pronti a dire che bisognava fare..., era da prevedere...., e per un po' si fa anche qualcosa di significativo, ma poi, quando tutto è tranquillo da tempo, tutti, autorità e opinine pubblica, cominciano a sminuirne l'importanza: "perché impegnare tante risorse per prevenire avvenimenti che non accadranno mai?". Concludo con un pensiero: sarebbe bello che, se nei prossimi vent'anni non avvenisse nessun rilevante evento calamitoso, non si dicesse: "ma a cosa serve la Protezione Civile se non succede mai niente?", ma si dicesse piuttosto: "siamo grati alla Protezione Civile e agli organi competenti che fanno un buon lavoro per la sicurezza del territorio".
Ezio Chiarini
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Notizie Brevi - Luglio 2010

Pubblicato: Venerdì, 18 Novembre 2011 13:43
  • La nostra Associazione ha un nuovo indirizzo di posta elettronica, che è il seguente: avpcm0@virgilio.it
  • La nostra Associazione ha un nuovo sito, che è il seguente: www.avpcm.org
  • L' AVPCM ed il Comune di Molinella, recentemente hanno rinnovato la Convenzione Comunale, strumento fondamentale per potere operare nel nostro territorio.
  • Nella riunione del 26/6/2010 a Bologna, per la campagna estiva dell' antincendio boschivo, l' AVPCM ha accettato di fare i seguenti turni di avvistamento antincendio boschivo:
    • A LIVERGNANO (Comune di Pianoro) nelle giornate del 17,18 Luglio,e del 14 Agosto, e 4,5 Settembre 2010.
    • A MONTE ADONE (Comune di Pianoro) nelle giornate del 10,11 Luglio
      Il servizio viene svolto da due volontari al sabato o domenica dalle ore 14.00 alle ore 19.00, con il supporto di un cannocchiale speciale, GPS, carte topografiche, e radio RCT in contatto con la sala operativa della Consulta (villa Tamba).
      Si precisa inoltre, che nel periodo di emergenza A.I.B. tutto il servizio viene gestito dalla Sala Operativa Regionale (SAUB) coordinato da Funzionari della Guardia Forestale, Vigili del Fuoco, Regione.
  • Per la Fiera di Molinella, l'AVPCM è presente (sulla piazza) in via Bentiviogli, con un gazebo e roulotte oltre ai soliti volontari impegnati nel supporto alla viabilità.
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Copyright © 2016-2018 A.V.P.C.M.
Sito realizzato da Alex Reginato
Torna ai contenuti