A.V.P.C.M.Notizie Novembre 2012 - AVPCM

Associazione Volontari
Protezione Civile
Molinella
Vai ai contenuti
Notizie
A.V.P.C.M. Notizie - Novembre 2012 n. 30

I VOLONTARI DELLA NOSTRA ASSOCIAZIONE CHE HANNO PRESTATO SOCCORSO AI TERREMOTATI
Nella foto di gruppo da sinistra:
Giuseppe Lombardo, Luciano Benazzi, Floriano Frabetti, Gianluca Cuzzani, Nicola Castaldini, Lamberto Mota, Manuela Maestrami, Ruggero Tinti, Sergio Uva.
Sempre da sinistra nei 2 cerchi:
Antonio Surdo, Claudio Ridolfi
(Questi soci non erano presenti al momento della foto di gruppo)
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Introduzione
Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 20:04
Si informano i gentili lettori del presente periodico che l'ultimo numero di "AVPCM Notizie" è uscito in occasione della Fiera di Molinella, Luglio 2011, quindi sono trascorsi oltre un anno dall'ultima edizione di questo "giornalino".
IL PERCHE' DI QUESTO LUNGO INTERVALLO
Come molti sapranno ,il giornale viene "fatto" (Comitato di Redazione), da poche persone, tutti volontari, all'infuori del Direttore Responsabile (Pubblicista), che nel bene o nel male hanno le problematiche tipiche di chi opera nel volontariato attivo (imprevisti famigliari, calo della tensione ideale, sopraggiunte tematiche personali molto impegnative, mancanza di sostituti) a tutto questo si aggiunga un anno "terribile" per la Protezione Civile nella nostra Regione, con nevicate eccezionali a Febbraio 2012, terremoto  del Maggio 2012,che ha interessato anche il nostro Comune, che a tutti gli effetti rientra nell'elenco dei Comuni Terremotati, caldo record nei mesi estivi. Sulle nevicate di Febbraio e per il terremoto, daremo ampio spazio in questo numero del giornalino, e quanto ha fatto concretamente la nostra Associazione e non solo, per la collettività. Prima però di evidenziare il nostro operato in queste calamità naturale, abbiamo dovuto espletare alcuni adempimenti, ed evidenziare alcuni avvenimenti/manifestazioni che ci hanno visto in primo piano.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
   
   
           
Rinnovo delle cariche sociali 2012/2013

Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 20:04
Di seguito troverete il nuovo organigramma dell'AVPCM, scaturito dall'elezione nell'Assemblea Soci del 13 Gennaio 2012.

Consiglio direttivo


PRESIDENTE                                                    Frabetti Floriano                                            
VICEPRESIDENTE E TESORIERE                  Monti Vincenzo
COORDINATORE                                             Fabbri Paolo
CONSIGLIERE                                                  Fabbri Paolo
CONSIGLIERE                                                  Ridolfi Claudio
CONSIGLIERE                                                  Uva Sergio
CONSIGLIERE                                                  Maestrami Manuela
CONSIGLIERE                                                  Maltoni Francesco
CONSIGLIERE                                                  Tiberio Giulio

Revisori dei conti
ELETTO DALL'ASSEMBLEA                    Bignami Giuliano
ELETTO DAL CONSIGLIO                         Gurioli Lino

Probiviri
Chiarini Ezio
Costa Demetrio
Gurioli Lino
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Coordinamento zonale di P.C. per Floriano Frabetti
Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 20:04
Nell'ambito del riordino organizzativo intrapreso dalla nuova presidenza della Consulta Provinciale per i volontari di P.C. relativamente ai Comuni di Baricella, Budrio, Malalbergo, Minerbio, Molinella, il Presidente AVPCM, Floriano Frabetti ed il Vice Presidente dei volontari, gruppo Pegaso di Malalbergo Marco Fornasari, sono stati nominati Coordinatori Zonali per le emergenze interzonali, con particolare attenzione al settore idrogeologico. Livio Gurioli di Malalbergo e Rino Barilli di Minerbio sono stati nominati responsabili della logistica per le suddette emergenze.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Prima festa del volontariato a Molinella
Pubblicato: Venerdì, 11 Gennaio 2013 19:07
Domenica 20 Novembre 2011 si è tenuta a Molinella la prima festa delle Associazioni di volontariato sociale) con parata dei mezzi e dei volontari delle varie Associazioni partecipanti, benedizione di Mons. Nino Soglieri, in auditorium interventi/saluti dell'Ass.re Andrea Gabusi e dell'Ass.re Provinciale Giuliano Barigazzi.
Nel pomeriggio in Piazza Martoni esibizione di sbandieratori ferraresi e termine della manifestazione con il concerto della banda Città di Molinella.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
l Circolo amici dell'arte di Molinella ha donato 1700 euro alla nostra associazione
Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 20:04
Grazie alla bravura ed al successo riscosso dal gruppo teatranti del Circolo Amici dell'Arte di Molinella con lo spettacolo "Stessa spiaggia, stesso mare" per tre recitazioni al Teatro Consorziale di Budrio il 26-27 Novembre 2011.
Una parte del ricavato dei spettacoli è stato devoluto all'ANT (Associazione Nazionale Tumori), mentre il restante importo è stato donato alla nostra Associazione. Nella serata del 2 Marzo 2012, il Presidente del Circolo Amici dell'Arte Sig. Sergio Malaguti, ha consegnato al Presidente Frabetti la somma raccolta.
N.R.
Facendo nostra la soddisfazione e la gratitudine espressa dal Nostro Presidente nella serata del 2 Marzo si ringraziano ancora una volta il Circolo Amici dell'Arte di Molinella con particolare calore il Gruppo dei Teatranti, (Compagnia Instabile) per il gesto di squisita generosità, e di grandissimo senso civico!
Un grazie ancora di cuore!
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Le nevicate del Febbraio 2012 nel comune di Molinella
Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 20:04
Parlare o trattare di nevicate avvenute nel mese di Febbraio 2012  dopo otto o nove mesi con un estate in mezzo talmente torrido (il secondo più caldo in assoluto degli ultimi tempi) può sembrare ridicolo o fuorviante, tuttavia , dal momento che noi siamo una componente fondamentale del sistema di protezione civile, ed   in presenza di fatti o avvenimenti che necessitano di adeguata divulgazione (anche se fuori tempo massimo), siamo “Obbligati” a pubblicare ben due articoli sull'argomento, così articolati:
LA SIGNORA DELL'INVERNO, del nostro Direttore Prof. Gastone Quadri, che in maniera chiara e "preveggente", richiamava l'attenzione , sui compiti previsti dalla legge 225/92  in materia di Protezione Civile per i Sindaci (per la verità ci si riferiva al Sindaco di Roma, ed anche a quello/a di Genova). Questo articolo è venuto poi di drammatica attualità dopo i recenti terremoti nelle nostre zone, dove si sono visti Sindaci encomiabili per l'impegno e la dedizione nell'opera di soccorso ai terremotati, ma alcuni di loro (purtroppo), con difficoltà e problematiche a gestire  inizialmente la macchina dei soccorsi (praticamente nei primi momenti della calamità, in quanto avevano difficoltà nel coordinare i primi interventi, a volta anche per debole   conoscenza delle procedure di Protezione Civile!).
Il SERVIZIO NEVE dal 31 gennaio 2012 al 13 Febbraio 2012, nel Comune di Molinella - L'impegno dei volontari di protezione civile, di Lino Gurioli. Si tratta di una sintesi dell'operato del Volontariato di P.C. in quei frangenti nel nostro territorio, e si evidenzia  anche l' ottimo servizio neve effettuato dal Comune di Molinella . L'articolo, ovviamente rispecchia il parere personale dell'autore.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
La Signora dell'Inverno
Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 20:04
“Sugli immensi candori
 piove uno sciame lieve:
 forse cercano i fiori
 le farfalle di neve”
                 Gabriele D’Annunzio

Non è che Febbraio abbiamo fatto piovere farfalle di neve: è stato un uragano che ha sommerso il mondo che ci circonda, provocando quasi disagi notevoli: spostamenti difficoltosi, interruzione di energia elettrica, tetti pericolosamente sottoposti a carichi enormi… e via dicendo. Ho scritto “quasi” perché, fortunatamente, il nostro territorio non ha conosciuto i disastri che hanno colpito la Romagna, le Marche, L’ Abruzzo, il Lazio e il Sud della penisola. Il territorio che fa capo a Molinella ha dimostrato che una buona organizzazione può, con l’ aiuto di tutti, attuare di molto le difficoltà delle intemperie. Siamo D’ accordo, è stato un Inverno particolare come non si vedeva da decenni, ma  non bisogna dimenticare che la neve è una compagna dei mesi freddi e, di conseguenza, anche se non prevista, può giungere inaspettata. Si può affermare, senza tema di smentite, che Molinella ha retto bene l’ urto della coltre bianca: le strade sono state rese agibili in poche ore, le vie del centro non hanno conosciuto la paralisi di altre città che forse, aspettavano che il sole facesse il mestiere e sciogliesse ghiaccio e ghiaccioli. Anche i Comuni limitrofi non si sono arresi alle difficoltà e, giunti quasi al termine dell’ Inverno 2011/2012, con molta cautela ma anche con ottimismo, si può constatare che i piani anti-neve hanno funzionato discretamente.
Così non è stato altrove. La Capitale d’ Italia ha subito, in buona compagnia con altre grandi città, un tracollo a cui si è voluto dare anche un risvolto politico. E’ ben noto che la colpa è una gran brutta bestia e nessuno la vuole sullo zerbino di casa, ma, in questo caso, vi è stata una “ défaillance” di chi doveva provvedere tempestivamente ad una organizzazione e ad una mobilitazione che non avvenuta per cause che questo Notiziario non può ospitare dato il ristretto spazio. Non è che la crisi economica abbia dato una mano, no, questo è appurato, ma è divenuto noto che la programmazione degli eventi è la base di ottimi risultati.
In questi casi, chi doveva provvedere?
La legge 225 del 24 Febbraio 1992 e successive modifiche, riconosce che il Sindaco è l’ Autorità Locale di Protezione Civile e , quindi, resta difficile, in certi casi, lo scarico di responsabilità su altri Enti o persone.
Leggiamo ancora nel testo della Legge prima citata: “Viene istituito il servizio di Protezione Civile e viene regolata l’ attività di questa organizzazione. La stessa legge indica che ogni Comune deve dotarsi di una struttura AUTONOMA di Protezione Civile atta ad intervenire in caso di bisogno. In modo più semplice la Protezione Civile è anche il semplice cittadino che, in caso di bisogno di bisogno presta assistenza agli altri”.
Chiaro? Chiaro! E’ quello che abbiamo fatto noi a Molinella, mettendoci al lavoro e cercando di alleviare disagi e difficoltà, sopendo inutili proteste e, silenziosamente, portando a termine i lavori concordati con l’ Autorità Comunale.
Certo, il bilancio economico delle nevicate non sarà facilmente digeribile( mi perdonino il banale esempio) ma l’ importante, in ogni difficoltà, è raggiungere l’obbiettivo cercando la via più breve per salvaguardare i cittadini.
A Molinella questo è successo: l’ottima interazione tra Sindaco, i Responsabili dei Settori, le Autorità Civili e militari ed i Dirigenti della Protezione Civile e delle altre Associazioni di Volontariato, ha prodotto un risultato auspicabile anche in altri casi ed in altre sedi. L’ A.V.P.C.M. è sempre pronta. Così è e così sarà sempre per l’avvenire.  
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Il servizio neve
Pubblicato: Venerdì, 11 Gennaio 2013 18:55
Dobbiamo segnalare che il Comune di Molinella è stato una dei pochi Enti Locali della Provincia di Bologna, ad aver affrontato l’ emergenza delle straordinarie nevicate, che si sono registrate tra il 31 Gennaio ed il 13 Febbraio 2012 con il “sistema di Protezione Civile”, vale a dire che nei momenti (giornate) con nevicate intense, era attivo il COC (Centro Operativo Comunale),sotto la direzione del Responsabile Comunale di Protezione Civile il Comandante della Polizia Municipale Giovanni Pezzoli.


Praticamente si sono coordinate tutte le risorse disponibili, al fine di offrire ai cittadini un servizio ottimale.




In definitiva l’impegno dell’AVPCM si è manifestato nel seguente modo:
  • VOLONTARI INTERVENUTI n. 18;
  • TOTALE ORE LAVORATE n. 385 ore;
  • AUTOMEZZI UTILIZZATI n. 5, così ripartiti:
    • N. 2 Furgoni FIAT Diesel, per trasporto materiale e persone, km 78;
    • N. 2 Fuoristrada Land Rover, per consegna pasti a persone sole anziane o con problematiche, verifiche cornicioni, lastre di ghiaccio pericolanti dai tetti di abitazioni o edifici pubblici, km 325.
    • N. 1 Automezzo FIAT mod. Panda 4X4, a disposizione COC, consegna medicinali a persone bisognose, km 325
  • TOTALE KM con gli automezzi, 808 km.
Praticamente il lavoro dei volontari AVPCM si è incentrato su:
  • Spalatura neve con pale (manualmente) davanti ad edifici pubblici (scuole, uffici postali), pulito marciapiedi nei centri abitati del Capoluogo e delle frazioni;
  • Spargimento sale (manualmente) sotto portici, marciapiedi, e strade principali;
  • Consegnato pasti della Casa di Riposo nelle Frazioni e nel Capoluogo a persone sole e bisognose;
  • Consegnato medicinali, dopo il ritiro dalla farmacia di Budrio (aperta per turno), a persona bisognosa;
  • Verificato periodicamente lo stato dei “pendagli” di ghiaccio nei “cornicioni” delle abitazioni e degli edifici pubblici del Capoluogo e delle Frazioni;
  • Assicurato turni di presenza dei volontari di Protezione civile alla sala operativa (COC).
Occorre pure mettere in risalto l’operato del Servizio neve comunale che tra l’altro si è avvalso egregiamente di 11 spalaneve (trattori ed autocarri).
Al fianco dei volontari AVPCM hanno pure operato in perfetta sintonia, i volontari dell’ANC (Associazione Nazionale Carabinieri), Nucleo di Protezione Civile di Molinella, coordinati da Giuseppe Greco, intervenuti con i loro automezzi nella consegna pasti ed in molteplici attività molto importanti.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Il terremoto del 20 e 29 Maggio 2012
Pubblicato: Venerdì, 11 Gennaio 2013 19:15
Premessa:
Al fine di rendere più scorrevole e comprensibile la trattazione degli eventi connessi con questa grave calamità naturale abbiamo diviso la materia in diversi articoli, però si rende necessario informare i lettori che in questo numero verranno esposte solo le iniziative o le attività svolte dai volontari dell'AVPCM, in quanto siamo a conoscenza che altri soggetti (Enti pubblici, Associazioni, Ditte, singoli privati hanno "fatto" molte cose a favore dei terremotati per esempio:
Il COMUNE DI MOLINELLA ha attivato nel mese di Luglio una raccolta generi di prima necessità giocattoli, materiale vario, presso l'ex ospedale della Fondazione Valeriani, con la "manovalanza" di volontari di alcune Associazioni di locali, che a turno hanno assicurato il ricevimento della merce.
Contestualmente il Comune attivava un conto corrente bancario per le offerte in denaro a favore delle zone interessate, presso l’agenzia del Capoluogo della Banca Unicredit.
La CROCE ROSSA ITALIANA, sezione di Molinella, ha effettuato fin dai primi momenti dalla calamità una raccolta di generi non deperibili, consegnati a Crevalcore, Rovereto, ed a Sant’Antonio di Novi

L'ANC (Associazione Nazionale Carabinieri), sezione di Molinella, ha inviato diversi volontari nei campi dei terremotati, dal 2 Giugno all'11 Luglio, suddivisi per turni, dove hanno svolto il compito di controllo alle entrate/uscite degli accampamenti (a Sant'Agostino, Cento, Finale E., Rovereto). Inoltre, con mezzi propri, sono state portate nelle zone colpite dal sisma generi di prima necessità, a Sant'Agostino, Cento, Cavezzo.
SINGOLI PRIVATI O DITTE/SOCIETA'
Nell'articolo Consegna ai Comuni terremotati di generi di prima necessità verranno evidenziati i singoli privati o le società che hanno generosamente contribuito materialmente a dare un aiuto "concreto" alle popolazioni coinvolte nella grave calamità.
Nel contempo, corre l'obbligo di scusarci con quanti hanno fatto qualche cosa di valido ed utile in tale frangente, ma che non citeremo su questo numero del nostro giornale, per la mancanza di informativa al riguardo. In questo settore di "aiuto ai terremotati, si possono annoverare le varie raccolte, offerte, donazioni, fatte dai dipendenti di molte ditte o aziende locali, oltre al lavoro svolto dalle Caritas Parrocchiali e da tanti singoli cittadini.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
PRIMO EVENTO: Forte scossa del 20 Maggio 2012, ore 4:04
Pubblicato: Venerdì, 11 Gennaio 2013 19:23
Come ha operato l'AVPM e sintesi degli avvenimenti nel Comune.
Giornata del 20/5/2012.
Già alle ore 4.30 il presidente AVPCM , Floriano Frabetti si recava al Comando della Compagnia  Carabinieri di Molinella, dove, ovviamente arrivavano le telefonate dei cittadini vivamente spaventati ed "impauriti", successivamente con il Comandante della P.M Giovanni Pezzoli (Responsabile Comunale di P.C.) effettuavano un giro completo dalle ore 7, per tutto il territorio comunale (tour delle frazioni), esaminando  attentamente i locali pubblici (scuole, uffici postali, locali comunali), viabilità principale,  con ricognizione  sommaria di molti edifici privati, particolare attenzione veniva riservata alla palestra (Palazzetto dello sport di via della Libertà, per i danni provocati dall’evento).
Veniva per disposizione del Sindaco, Bruno Selva, attivato il COC (Centro Operativo Comunale) con "turnazione" dei vigili urbani, volontari AVPCM ed ANC, con un coinvolgimento di otto volontari AVPCM, tenuti in standby fino alle ore 24.00. Anche la segreteria AVPCM è stata attiva tutta la giornata.
Purtroppo con l'evento sismico del 20 Maggio, un nostro concittadino, Gerardo Cesaro, decedeva a Sant'Agostino (Fe) per il crollo del capannone dove lavorava, durante il turno di notte.
La famiglia del sig. Cesaro risiede a Marmorta, da segnalare che egli è stato uno dei fondatori della locale Sezione dell'ANC (Associazione Nazionale Carabinieri). I funerali si sono svolti il 26 Maggio, con una grandissima partecipazione di popolo e con una nutrita rappresentanza di Autorità civili e militari. Il Presidente della Repubblica, ha inviato una corona di alloro.
Durante la cerimonia funebre, l'AVPCM ha fornito sette volontari che con diversi ANC ed agenti della Polizia Municipale hanno vigilato sulla viabilità.
Nelle giornate del 23 e 24 Maggio 2012, l'AVPCM ha fornito alla Consulta del Volontariato di Bologna sei volontari (due per turno) a Malalbergo, per supporto viabilità causa messa in sicurezza del campanile, per danni dovuti al terremoto.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Edifici pubblici che hanno subito danni dopo la scossa del 20/05/2012
Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 20:03
Nel Capoluogo si segnalavano danni nella palestra di via della Libertà.

















  • A San Pietro Capofiume, danni al tetto della chiesa parrocchiale. Per ragioni immediate di sicurezza, su disposizione delle Autorità Ecclesiastiche Diocesane, tutte le chiese del Comune venivano (provvisoriamente) chiuse al culto, le Messe per diverse settimane sono state celebrate sotto tendoni o in locali alternativi (teatro parrocchiale /opere parrocchiale, ecc.).
  • Al fine di tutelare la privacy dei proprietari di case o di immobili che hanno subito danni dal terremoto, si omettono i loro nominativi.
  • -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    SECONDO EVENTO: Scossa del 29 Maggio 2012
    Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 20:02
    Dopo la forte scossa delle ore 9.15, è partita anche a Molinella la macchina dei soccorsi, il Sindaco Rag. Bruno Selva, ha attivato il COC (Centro Operativo Comunale), sotto la direzione del Comandante G. Pezzoli, con la presenza per tutta la giornata di una rappresentanza della P.M., volontari AVPCM, volontari ANC, tecnici dell’Ufficio Tecnico Comunale. Pure la Segreteria AVPCM veniva allertata.
    Immediatamente, tutte le scuole di ogni ordine e grado, sono state evacuate, l'AVPCM ha assistito le maestre durante le varie operazioni di messa in sicurezza, inoltre i volontari di P.C. hanno supportato le Forze dell'ordine nel gestire il traffico stradale in quei frangenti.
    Al COC venivano dirottate, per le prime ore, anche le telefonate di cittadini molto preoccupati. Si è proceduto ad effettuare il consueto controllo degli edifici pubblici, viabilità principale, edilizia privata esterna, più evidente, quattro volontari AVPCM hanno prestato servizio presso le scuole di Marmorta, per alcune ore.
    Praticamente per tutta la giornata tutta l''organizzazione dei soccorsi locali (Comune, Forze dell'ordine, Volontari di P.C.) sono stati impegnati per opere di transennamento, ricognizioni varie ed assistenza alla popolazione visibilmente spaventata.
    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    Edifici pubblici che hanno subito danni dopo la scossa del 29/05/2012
    Pubblicato: Lunedì, 07 Gennaio 2013 16:32
    Probabilmente causa le scosse che dal 20 Maggio si sono ripetute con discreta intensità (scosse di assestamento), con l'evento del 29 Maggio nel territorio di Molinella si sono avuti altri danni in edifici pubblici e privati quali:
    Edificio scolastico che ospita l'Istituto Fioravanti, in piazza Massarenti, che sarà transennato esternamente, con ingresso interdetto, per questo motivo l'anno scolastico 2012-2013 per l'Istituto Professionale è stato trasferito nel comune di Budrio, contro il parere dell'Amministrazione Comunale di Molinella, che aveva trovato una soluzione alternativa, nel Capoluogo.
    Edificio in via Don Minzoni, ospitante l'asilo nido CIP-CIOP, dopo alcuni brevi lavori di riparazione è stato regolarmente riaperto all'attività consueta.
    Chiesa di Marmorta, tutt'ora chiusa al culto.
    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    Presenza nei campi dei terremotati dei volontari molinellesi
    Pubblicato: Venerdì, 11 Gennaio 2013 19:37
    Si segnalano i nostri operatori che hanno partecipato o con turni settimanali o con presenze giornaliere al campo 2 di Finale Emilia (MO), gestito dalla Consulta per il Volontariato di P.C. - provincia di Bologna:

       Turno dal 2/6/2012 al 9/6/2012, volontari AVPCM: Cuzzani Gian Luca, Maestrami Manuela, Mota Lamberto, Tiberio Giulio.
       Turno dal 9/6/2012 al 16/6/2012, volontari AVPCM: Lombardo Giuseppe, Ridolfi Claudio, Tinti Ruggero.
       Turno dal 23/6/2012 al 30/6/2012, volontari AVPCM: Surdo Antonino, Uva Sergio, Tiberio Giulio.
       Turno giornaliero unico l'8 Settembre 2012 a Finale E., per smontaggio tende del campo  due, volontari AVPCM; Ridolfi Claudio, Castaldini Nicola.

    I volontari sopra citati, hanno lavorato nel campo dei terremotati in diverse attività, quali: montaggio e smontaggio tende, magazzino, cucina, lavori di falegnameria, pulizia bagni.

    Tutto il settore delle consegne di beni di prima necessità forniti da Enti pubblici, Associazioni, Ditte, singoli privati ai Comuni terremotati, è evidenziato in un altro articolo.


    Momenti di vita al Campo 2 di Finale Emilia.
    In alto Ruggero Tinti impegnato in lavori di falegnameria; A fianco volontari durante il montaggio di una tenda; in basso Claudio Ridolfi (Logistica).








    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    Consegna ai comuni terremotati di generi di prima necessità
    Pubblicato: Venerdì, 11 Gennaio 2013 21:01
    Aiuto diretto alla popolazione colpita dalla calamità
    Sulla spinta di ripetute richieste di aiuti materiali urgentissimi provenienti dalle zone terremotate, il Presidente AVPCM Floriano Frabetti unitamente al Presidente dell'Associazione di Volontari di P.C. Minerva di Minerbio, Rino Barilli, dal 31 Maggio 2012 al 3 Settembre 2012, hanno organizzato raccolte immediate di generi di prima necessità e consegnate direttamente "di persona" ai vari Responsabili dei comuni di Sant'Agostino (Fe), nel modenese a Finale Emilia, San Felice sul Panaro, Medolla, Cavezzo, Campo Santo, San Prospero, un valido aiuto nel trasporto delle merci è venuto all'interno dell'AVPCM dal socio Luciano Benazzi, da Roberto Golinelli (Supercarni), e dai trasporti F.lli Zucchini.
    Per ovvi motivi di sintesi e di spazio, in questa sede non siamo in grado di elencare dettagliatamente tutte le spedizioni effettuate e le marci o il materiale consegnato, ci limiteremo a citarne solo alcuni, chiedendo scusa fin d'ora a chi ha donato generosamente, ma che non vedrà il suo nominativo nell'elenco che seguirà:
    Nella giornata del 31 Maggio il presidente Frabetti, tramite il Super carni Golinelli, riesce ad inviare un camion frigorifero della ditta sopra citata a Sant'Agostino (Fe), con merce per un valore di 1600 euro (tortellini, carni, ecc.).
    Di lì in pochi giorni si riesce a fare fronte ad una richiesta di 20 tende e di 400 reti ombreggianti, provenienti dal Comune di Cavezzo, in seguito verrà inviata sempre nello stesso comune, una cella frigorifero e consegna di un grosso TIR per adibirlo a magazzino (a Cavezzo).
    Si segnala pure la consegna di generi alimentari (salumi e tortellini) forniti dalla Supercarni di Golinelli al Comune di Campo Santo, per un valore di 1900 euro.
    Successivamente, con automezzi dell’AVPCM sono stati consegnati formaggi, marmellate per un valore di 400 euro, sempre nello stesso Comune.
    Sono stati forniti ai Comuni di Medolla e di San Prospero diversi quintali di generi alimentari.
    Da segnalare la consegna periodica di frutta e verdura per merito delle Opere di Misericordia di Lorenzo Amadori.
    Altrettanto preziosa ed encomiabile l'invio costante di pane, biscotti, crescente, per merito del Dolce Forno di Molinella.
    Occorre tuttavia mettere in risalto che l'invio di tutto questa merce è avvenuta anche per merito delle offerte in denaro o in beni da parte delle ditte, enti e associazioni elencate nella tabella sottostante.






















    Al fine di evitare eventuali obiezioni sulla attività sopra citate si precisa quanto segue:
    1. In segreteria AVPCM sono depositate tutte le bolle di consegna della merce.
    2. Il materiale spedito è stato consegnato a Responsabili comunali dei Comuni menzionati, dopo che era arrivata alla nostra Associazione una richiesta specifica (urgentissima) dai Comuni evidenziati, con richieste molto particolareggiate.
    3. In tutti i casi si è passato dal COC del luogo, per la registrazione delle consegne.
    4. A testimonianza della bontà dell'operato straordinario del nostro Presidente, si allega una lettera di ringraziamento inviata dal Comune di Camposanto (MO).
    Occorre pure citare l'attività svolta dalle farmaciste dott.sa Catia Cesari e dott.sa Simona Torre (Farmacia Sgarbi) nella raccolta e consegna a Finale Emilia ed altre località, di farmaci da banco ed altri generi di prima necessità, qui la loro diretta esperienza.




    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    Il volontariato ha pagato anche un prezzo salato per il terremoto
    Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 19:36
    Il fatto più eclatante è stato la morte di un volontario di P.C., Roberto Puviani, da poco iscritto all'Associazione di cinofili   Ferrararesi ACAC, avvenuta il 4 Settembre 2012 per un gravissimo incidente stradale.
    L'AVPCM ha partecipato ai funerali di Puviani a Cassana (Fe) con due volontari.
    Per la nostra Associazione, anche il Presidente Frabetti ha avuto problemi di salute, è stato temporaneamente ricoverato al pronto soccorso di Mirandola (Ospedale lesionato gravemente), inoltre il volontario AVPCM Giuseppe Lombardo, che operava al campo 2 di Finale Emilia in qualità di falegname, si è infortunato ad una gamba.
    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    Testimonianza d'aiuto ai terremotati di due farmaciste di Molinella
    Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 20:02
    20 Maggio 2012, ore 4:00: una forte scossa di terremoto causa danni, e purtroppo anche morti e feriti, tra le province di Ferrara e Modena. L’evento impressiona profondamente molti di noi, che abitiamo così vicino alle zone investite dal sisma, e qualcuno cerca subito il modo di dare un aiuto. Tra gli altri, due farmaciste che lavorano a Molinella: Catia Cesari e Simona Torre, che, per cercare di capire esattamente cosa servisse nei luoghi colpiti, lunedì 28 Maggio si recano direttamente a Finale Emilia. Là, grazie alla loro intraprendenza e alle idee chiare, riescono a parlare con il Dott. Stefano Stipa, della Croce Rossa Italiana, e con il responsabile della Protezione Civile di Finale Emilia. Le due prendono accordi, e decidono di concentrare le loro forze sulla raccolta di farmaci, secondo le indicazioni ricevute dal Dott. Stipa; spargono la voce tra parenti ed amici, per raccogliere fondi da destinare a questa iniziativa. Esse vorrebbero tornare a Finale con qualcosa già il 2 Giugno (cioè il sabato della stessa settimana!), e pensano di spargere la voce il più in fretta possibile, utilizzando anche la tecnologia: e-mail e social network. La notizia di questa iniziativa, grazie anche all’uso di Internet, si allarga a macchia d’olio, e in breve decine di persone, ansiose di aiutare, chiedono di poter contribuire; quella che era nata come una raccolta di fondi per l’acquisto di farmaci diventa una raccolta di materiale a 180°. Visto il numero di adesioni, c’è bisogno di un aiuto, e vengono coinvolte diverse organizzazioni: la società sportiva Italia CSI Molinella, per cui colori gioca la Dott.ssa Catia, la Caritas di Budrio (la Dott.ssa Simona è della Parrocchia di Pieve di Budrio), e infine naturalmente AVPCM, che nella persona di Floriano Frabetti si rende immediatamente disponibile ad aiutare. Le due dottoresse ed alcuni dei volontari che le supportano vengono iscritti d’urgenza all’AVPCM, in modo da essere facilitati nei movimenti e nei rapporti con le autorità delle zone da raggiungere, e la raccolta procede a ritmo forsennato. Venerdì 1 Giugno, la sera prima della programmata spedizione, i volontari si ritrovano per finire di ricevere il materiale e riordinarlo. Le attività proseguono, a Pieve di Budrio e a Molinella, fino a tarda notte: alle 2:30 si sta ancora lavorando. Ma la mattina del 2 Giugno tutto è pronto: il materiale è accuratamente suddiviso ed inventariato. In mattinata Luciano Benassi (Frabetti non può prendere parte al viaggio perché in settimana accusa un malore) si reca in esplorazione a Finale, con il furgone dell’AVPCM, poi rientrando in tempo per guidare la carovana, in partenza dal Fondo Farinello di Molinella. Il convoglio è composto da cinque mezzi, tutti carichi di materiale: il furgone dell’AVPCM, il pulmino dell’US Reno- Italia CSI Molinella, due camioncini della Caritas di Budrio e un furgoncino. L’ elenco del materiale in partenza, raccolto in soli quattro giorni, è impressionante: medicinali da banco, materiale per l’igiene personale, materiale da campo, lenzuola e coperte, alimentari… e inoltre acqua, indumenti, giochi per bambini, cose, queste ultime, che, essendo meno urgenti, vengono per il momento lasciate a Molinella. I cinque automezzi partono, e dopo un’ora abbondante di viaggio, costretti a deviazioni a causa della chiusura di alcune strade disastrate dal terremoto, arrivano a Finale Emilia. Qui i volontari si dividono i compiti: chi scarica alimentari al CTO allo stadio di Finale, chi si reca alla sede della Protezione Civile per consegnare il materiale da campo, infine tutti assieme alla sede della Croce Rossa per offrire il materiale farmaceutico al Dott. Stipa. Benassi fa da collegamento, parlando ora con l’uno ora con l’altro, muovendosi da un punto all’altro del vasto accampamento. Tutti ricevono il materiale ringraziando, la soddisfazione più grande è vedere i sorrisi dei volontari della Croce Rossa davanti al materiale loro consegnato, si capisce che tutte le scatole scaricate finisco in ottime mani.
    Stanchi ma soddisfatti, con il mezzo dell’AVPCM in testa, i volontari partono per rientrare a Molinella verso le 20:00, ma non manca una sorpresa finale: prima di mettersi in strada, il gruppo si ferma in un bar di Finale per festeggiare la riuscita dell’operazione con un meritato aperitivo; il barista prima fa loro uno sconto perché “stanno lavorando per i terremotati”, poi consegna loro 200kg di pasta che altri volontari gli avevano lasciato, non sapendo dove portarli. Questo conferma che alle volte la buona volontà (quella di chi ha portato quei 200kg di pasta) non basta… ma nessun problema, l’importante è organizzarsi e questo gruppo sa farlo in tempi brevissimi: in quattro e quattr’otto la pasta è caricata su uno dei mezzi e portata al CTO. Ma non è ancora finita: già il giorno successivo due mezzi dell’AVPCM tornano a Finale carichi di indumenti, alimentari e materiale vario; nella settimana successiva la raccolta dei volontari prosegue, e viene accolta la proposta di Frabetti di “ diversificare” gli aiuti: in momenti successivi i furgoni, ora quelli dell’AVPC ora quelli degli altri volontari, portano alimentari prima a Medolla, poi a San Prospero, località colpite dal secondo sisma del 29 Maggio; C’è poi un nuovo invio di medicinali e prodotti per l’igiene a Finale e infine anche indumenti e acqua minerale a Sant’Agostino. In meno di due settimane di raccolta, sono stati ricevuti oltre 20.000 euro tra materiale e contributi in denaro.
    Una stupenda dimostrazione che la volontà (delle due farmaciste che hanno dato il via all’operazione), l’organizzazione (di tutti i volontari) e la collaborazione, uniti naturalmente al buon cuore di tutti coloro che hanno voluto contribuire, posso fare miracoli, anche in tempi molto brevi. Basta volerlo.
    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    I volontari AVPCM per la raccolta comunale pro terremotati
    Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 19:39
    Per i mesi di Giugno e Luglio 2012, presso i locali dell’ex ospedale della Fondazione Valeriani, in via Mazzini si è effettuato una raccolta di generi alimentari non deperibili e di altri articoli utili per la popolazione terremotata, in questo settore si segnalano le diverse donazioni di giocattoli, fatte da tanti bambini.
    L'AVPCM ha assicurato il turno di apertura per il venerdì (mattino e pomeriggio). I volontari della nostra associazione che hanno effettuato questo servizio sono stati: Bignami Giuliano, Solmi Angelo, Uva Sergio, Tinti Ruggero.
    Il materiale raccolto è stato consegnato a diversi comuni terremotati (FInale Emilia, Cavezzo, Mirandola, San Felice sul Panaro) secondo le esigenze.
    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    L'impegno dei coordinatori di zona per portare soccorsi ai terremotati
    Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 19:39
    Giova ricordare che questi Responsabili, durante i recenti eventi sismici in Emilia, hanno operato egregiamente, ricevendo apprezzamenti ed elogi dagli Amministratori Comunali delle zone colpite dal terremoto e considerazione dai Dirigenti della Protezione Civile.
    Floriano Frabetti ha come si evince dall’articolo sulle consegne ai Comuni terremotati organizzato raccolte a Molinella con relativa consegna ai diretti interessati (Amministratori Comunali), di generi di prima necessità, oltre che reperire volontari da inviare nei campi dei terremotati.
    Il Presidente dei volontari di Minerbio, Rino Barilli, ha operato nello stesso modo, restando in diretto contatto con Frabetti ed ovviamente i responsabili di P.C.
    Il Presidente dei Volontari di Malalbergo, Livio Gurioli, ha espletato per alcuni turni settimanali a Finale Emilia, il ruolo di Capo Campo.
    Marco Fornasari di Malalbergo, a sua volta ha coordinato l'invio nei campi dei terremotati, vedi Finale Emilia, dei volontari della zona.
    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    Le impressioni di una volontaria AVPCM, sulla sua permanenza nel campo 2 di Finale Emilia
    Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 19:39
    Diario di una Volontaria A.V.P.C.M. che ha vissuto la tragedia del terremoto dall'interno del “CAMPO 2” di Finale Emilia (MO)
    Siamo partiti da Molinella Sabato 02 Giugno 2012 per il "CAMPO di Finale Emilia" all'arrivo ci assegnano al campo N. 2, dove il capo campo è Livio Gurioli di Malalbergo. I turni di servizio hanno la durata di una settimana pertanto torneremo a casa solo sabato prossimo quindi è necessario sistemarci nelle tende per trascorrervi l'intera settimana, nei momenti in cui non si era impegnati nei turni di servizio.
    La prima impressione è stata quella di un gran caos che regnava al campo, ma la cosa era ovvia vista la situazione che si era creato subito dopo l'evento tragico. Si tenga presente che l'ultima forte scossa era avvenuta il 29 Maggio, quindi erano pochi giorni che il campo funzionava, ed era evidente che non tutto marciava a regime.
    Il compito che mi è stato assegnato era quello di garantire l'igiene e la pulizia del campo, compito al quale ero già stata assegnata in occasione degli analoghi servizi in Abruzzo nel 2009.
    Al campo, oltre ai volontari di Associazioni comunali di protezione civile, operavano altre unità, quali: CRI, UNITALSI, Telefono Azzurro, Pubbliche Assistenze, 118, Psicologi, e tutti, a vario titolo, prestavano la loro opera coordinati dalla stessa direzione di campo.
    Naturalmente, in tanta varietà di ruoli e "professionalità, emergevano i vari gradi di preparazione e di organizzazione, ed in questo contesto i volontari delle Associazioni di protezione civile, non sempre riuscivano ad integrarsi con questi gruppi, e tutto ciò ovviamente ha provocato qualche volta inevitabili disguidi.
    Gli "ospiti" del campo erano 450, fra loro erano intere famiglie, quindi bambini, donne e naturalmente anziani e uomini di tutte le età. In tutto questo caos, con turni di servizio massacranti, riposi scomodi e mangiare appena sufficiente, la settimana è passata a contatto con quella povera gente, che aveva subito tanta disgrazia e che viveva alla giornata senza certezza di ciò che avrebbe riservato loro il futuro.
    Tornando a casa si aveva la sensazione che, con maggiore organizzazione e conoscenza dei problemi, si poteva fare qualcosa di più, ma solo il sapere di aver alleviato, almeno in parte, le sofferenze altrui ci sollevava l'anima e colmava lo spirito di volontari che ci spinge a ripetere l'esperienza a vantaggio di chi ne poteva aver ancora bisogno.
    Per obbiettività di cronaca ho saputo dai " colleghi" che hanno fatto i turni successivi al mio, di aver notato dei miglioramenti a livello organizzativo, già dopo pochi giorni dalla mia partenza.
    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    Riceviamo e pubblichiamo una lettera del nostro consigliere Luciano Benazzi
    Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 19:39
    “Come vengono considerati/trattati i volontari di Molinella che hanno prestato soccorso nelle zone terremotate”
    Mi chiamo Luciano Benazzi, e sono un volontario dell'AVPCM fin dalla fondazione (Gennaio 1996), già dalla prima scossa del terremoto del 20 Maggio 2012, ho dedicato molto del mio tempo libero (sono un pensionato) per aiutare in tutti i modi possibili i terremotati delle zone a noi vicine.
    Sono stato come autista a portare con gli automezzi dell'Associazione, generi di prima necessità, urgentissimi, in quasi tutti i campi dei terremotati, con giornate dove superavo anche le 12 ore di attività!
    Tengo anche a precisare, che io sono il volontario di p.c. che ha dato il massimo di ore prestate in servizi utili alla collettività per il Comune di Molinella.
    Ebbene recentemente, quando a Reggio Emilia è stato organizzato il concerto pro terremotati dell'Emilia al Campovolo, ho visto dopo alcuni giorni sulla cronaca locale del Resto del Carlino, la foto dei volontari di protezione civile dei comuni di Baricella e Minerbio, che avevano "gratuitamente" partecipato a quel concerto.
    Profondamente amareggiato ed arrabbiato, perché nessuno a Molinella mi aveva informato dell'iniziativa, insieme al Presidente Frabetti abbiamo iniziato ad indagare ed a verificare, perché i volontari di p.c. dei comuni a noi vicini, erano stati invitati a quel grande evento e per quale motivo qui a MOLINELLA NESSUNO SAPEVA NULLA!
    Finalmente dopo lunghe peripezie, scarica barile continuo, e fatto tante telefonate interlocutorie, si è venuti a capo del giallo.
    In sintesi, l'Agenzia incaricata nell'organizzazione della grande manifestazione musicale, aveva inviato anche al nostro Comune, essendo Molinella un Comune terremotato, un certo numero di biglietti (25), riservati espressamente ai terremotati, ai volontari di protezione civile che avevano partecipato ai soccorsi delle popolazioni colpite dal sisma, oltre ad altre figure di benemeriti.
    Per farla breve all'interno del nostro Comune, questi biglietti omaggio sono stati distribuiti a destra ed a manca, FUORCHE' AI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE; POSSO ASSICURARE CHE NESSUN OPERATORE AVPCM HA VISTO QUEI BIGLIETTI!
    Parlo anche a nome dei volontari che hanno operato nel campo di Finale Emilia, (tanto che si sappia, tra costoro ci sono uomini e donne che là hanno fatto di tutto, compreso pulire giornalmente i bagni), per esprimere tutto il mio più profondo SDEGNO ED INDIGNAZIONE PER QUELLO CHE E' ACCADUTO. Ciò testimonia che a certi livelli dell'apparato comunale di Molinella, MANCA TOTALMENTE LA CULTURA DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE.
    Non è un problema, prendo atto di quello che è successo, PER INFORMARE CHI DI DOVERE, che nelle prossime calamità naturali, a spalare la neve, o a mettere sacchetti di sabbia sugli argini dei nostri fiumi in piena, ci andranno coloro che hanno distribuito i biglietti omaggio, e coloro che li hanno ricevuti!
    Tanto io abito al terzo piano della Guarda, punto più alto del Comune.
    Sarei poi immensamente felice se questa mia lettera provocasse le ire o la rabbia di tutti questi signori, vorrà dire che ho colpito nel segno giusto.
    BASTA, NOI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE SIAMO STANCHI DI ESSERE PRESI PER I FONDELLI!
    Grazie per l'ospitalità, e sempre a disposizione.
    Vostro Luciano Benazzi
    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    Vigilanza arginature
    Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 19:38
    Questo servizio di primaria importanza per la nostra Comunità, purtroppo viene svolta regolarmente con grande professionalità e competenza da due soli soci: Il presidente Floriano Frabetti, ed Ezio Chiarini.
    Con i loro controlli mensili degli argini del Reno, Idice, Quaderna e dall'anno scorso anche i canali di bonifica (Botte, Lorgana, Allacciante, ed altri), sono stati trovate e segnalate alle competenti Autorità, non meno di una decina di tane di volpi, nutrie, ed altri animali, nelle arginature dei nostri fiumi.
    Particolarmente apprezzata dai Responsabili del Consorzio della Bonifica Renana, la periodica segnalazione degli inconvenienti, espletata dal nostro socio Ezio Chiarini.
    Vorremmo pure segnalare la continua ed incessante attività di segnalazioni, rapporti, incontri specifici del Presidente Floriano Frabetti con le competenti Autorità Regionali, sulla situazione di generale e diffusa "forestazione" e mancanza di manutenzione degli argini del Reno, per la maggior parte dei tratti nel nostro territorio comunale.
    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    Notizie Brevi - Novembre 2012
    Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 19:37
    Il 1 Maggio 2012, convegno all'auditorium di Molinella su "La Padusa ed il Sandalo"
    Alla presenza del Sindaco di Molinella Rag. Bruno Selva, dell'Assessore Alessandro Zini, e del Presidente AVPCM, Floriano Frabetti, il Professor Gianni Astolfi, e la Prof.ssa Luisa Roncarati, dell'A.R.S. (Associazione Ricerche Storiche di Consandolo), hanno illustrato i risultati di un lungo lavoro di ricerche storiche sui vari percorsi, nei secoli passati, dei fiumi che passano per il nostro territorio o hanno attinenza con esso, con particolare attenzione al Po, al Reno, ed il Sandalo. Le varie relazioni sono state accompagnate dalla proiezione di filmati e di "slide", tutte molto interessanti.
    Il lavoro svolto dai due ricercatori ha portato alla pubblicazione di un libro dal titolo "La Padusa ed il Sandalo".
    Nel corso del Convegno, sono poi scaturite alcune ipotesi storiografiche, che se avvallate ulteriormente con riscontri scientifici e documentati, contribuiranno ad apportare alcune modifiche sulla storia di Molinella (periodo romano).
    A ricordo di Massimo Ansaloni
    Ci sono degli eventi nelle nostre comunità, che nel bene o nel male lasciano un segno indelebile, purtroppo la prematura scomparsa di Massimo Ansaloni è uno di questi fatti.
    La straordinaria partecipazione della popolazione ai suoi funerali il 10 Luglio 2012, testimoniano al di là di ogni riflessione, che Massimo era profondamente amato ed apprezzato sia a Molinella che fuori Comune.
    Si può affermare senza tema di smentita che egli era l'operatore di protezione civile numero uno, anche se non apparteneva a nessuna delle Associazioni di p.c. locali, svolgeva in maniera esemplare una attività molto importante per la collettività, di fatti egli aveva una ditta di scavatori e movimento terra ed era sempre a disposizione di tutti.
    Per esempio, quando le Forze dell'ordine, in qualsiasi momento avevano un problema nella viabilità stradale, ricorrevano sempre a lui, così dicasi per i casi di rotture di tubazioni di acqua e gas, senza citare lavori straordinari nei cantieri.
    Fino all'ultimo i suoi famigliari sono stati vicino alla nostra Associazione, devolvendo all'AVPCM dopo i funerali la somma cospicua di 2.800 euro.
    Da queste pagine a nome della Dirigenza AVPCM, giungano sinceri ringraziamenti ai suoi famigliari ed a tutti quanti gli hanno voluto bene, per la sensibilità mostrata verso la nostra Associazione.
    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    Odino Mazzanti - Un volontario da imitare
    Pubblicato: Venerdì, 11 Gennaio 2013 21:14
    All'interno della nostra Associazione, c'è un volontario (uno dei soci fondatori), ODINO MAZZANTI che dall'autunno del 1997, ininterrottamente, durante l'anno scolastico per le scuole elementari e medie, ha  svolto e svolge ancora il servizio di supporto alla viabilità davanti alle scuole del Capoluogo, facendo una cosa semplicissima , fare rispettare i regolamenti stradali, specie agli automobilisti in prossimità dei passaggi pedonali, permettendo così ai genitori ed agli alunni di attraversare incolumi la strada.
    Odino, l'ultimo di una schiera di “benemeriti” pensionati, che si sono messi al servizio della collettività, tra costoro che iniziarono e per tanti anni svolsero in maniera encomiabile questo tipo di attività, a favore della collettività, occorre citare Claudio Atti a Molinella, ed Elvio Boscolo a San Pietro Capofiume.
    Attualmente il servizio viene svolto solo nel Capoluogo da tre volontari, di cui uno è Odino Mazzanti.
    Gli altri due sono: Lino Gurioli e Ruggero Tinti.
    Fino ad alcuni anni fa, l'AVPCM per merito del Presidente Frabetti e di Luciano Benazzi, al mattino ed al pomeriggio, presidiavano le entrate delle scuole di Marmorta, poi per ragioni di incolumità e sicurezza degli operatori, questo sevizio viene svolto ora dalla Polizia Municipale.
    Dalle pagine di questo periodico, si vuole cogliere l'occasione per ringraziare pubblicamente Odino Mazzanti, che con i suoi 15 anni di attività continua, è un esempio da fare conoscere a tutti i Molinellesi.
    Speriamo anche che le Autorità scolastiche e comunali si ricordino pubblicamente ed ufficialmente del suo lavoro e della sua dedizione agli altri.
    ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    "Una brutta domenica - 29/04/2012"
    Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 19:37
    Di seguito viene pubblicato il rapporto redatto dal nostro consigliere Tiberio Giulio, relativamente alla dinamica dei soccorsi ad un motociclista gravemente infortunato durante un moto raduno di collezionisti a Molinella.
    E' doveroso ricordare che in quel frangente, Giulio ha contribuito a salvare la vita all'infortunato, insieme a tutto il personale sanitario accorso immediatamente dopo l'incidente.
    Doveva essere una festa, ma invece si e tradotta in una brutta avventura, il raduno dei moto collezionisti a Molinella.
    Forse la voglia di primeggiare, forse la scarsa conoscenza del percorso è costata carissimo ad un pilota romagnolo. Frattura esposta del femore e braccio rotto dopo un volo che ci ha paralizzato dall’orrore, noi della Protezione Civile che stavamo sul circuito per garantire la sicurezza del circuito, ed il pubblico ai bordi della strada. I soccorsi sono stati immediati e tecnicamente ineccepibili, tutto il personale di vigilanza si è dimostrato all’altezza della situazione. Con il mio cinturone a stringere la gamba martoriata, per bloccare il sangue, i ragazzi ambulanza di Voghiera, procedevano rapidamente a prestare il primo soccorso al centauro nel frattempo era stato allertato l’elicottero del 118. Bloccato l’arto ed il braccio rotto, la barella è stata caricata in ambulanza e portata al campo sportivo lì vicino. Dopo pochissimi minuti l’Mbb 105 del 118 sbarcava l’equipe medica, che in ambulanza provvedevano ad una accurata medicazione del paziente, somministrando ossigeno e medicando la terribile ferita alla gamba. Circa mezz’ora dopo caricavamo il paziente sull’elicottero che rientrava al Maggiore. Una stretta di mano con i soccorritori dell’ambulanza di Voghiera ed un saluto particolare col medico di bordo che con me ha tenuto ben stretto il cinturone alla gamba sino all’arrivo del 118 chiudeva questo brutto episodio. Notizie successive davano per fuori pericolo il ricoverato, con grande gioia di tutti i soccorritori. Alla fine della manifestazione, il responsabile della gara, ha ringraziato: l’ufficio ACI di Molinella per la collaborazione, e lo sponsor di cui taccio il nome. Sui soccorritori di Voghiera, su noi della AVPCM, sui carabinieri in Congedo manco un grazie, neanche una parola, un cenno…… che al posto del cuore abbiamo un carburatore?
    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    Disposizioni del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile, in merito ai servizi di supporto alla viabilità
    Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 19:38
    Si ribadisce nuovamente il concetto delle Circolari Operative diramate dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile sull'impiego dei Volontari di P.C. per servizi di viabilità, con riferimento alla disposizione
    DPC/CG/0018461 del 10/3/2009, pubblicata in G.U. n.°87 del 15/4/2009 e recente richiamo sulla materia del Capo Dipartimento della P.C. Prefetto Franco Gabrielli, per ribadire quanto segue:
    Viene fatto divieto assoluto, di fare servizi di viabilità per i volontari di p.c., con divieto assoluto di esibire per tali servizi dei loghi, stemmi, scritte, della Protezione Civile.
    Per quanto attiene alla nostra Associazione, che si è sempre RIGIDAMENTE attenuta alla normativa sopra citata, i servizi di viabilità verranno "fatti" dai soli soci che avranno tutti i requisiti previsti dalle Leggi in materia (cioè coloro che avranno fatto specifici corsi, vedi ASA, Ausiliari del traffico, ecc.).
    Ecco che da qualche tempo in qua, i volontari AVPCM, davanti alle scuole del Comune, o nelle corse ciclistiche o podistiche, indossano uno specifico gilet di colore giallo con stemma ufficiale del Comune di Molinella, e con la scritta Volontariato- Comune di Molinella, regolarmente forniti dal Comando della Polizia Municipale (in ottemperanza a specifica disposizione regionale al riguardo).
    Perché, quando si effettuano questo tipo di servizi, lo ribadiamo nuovamente, debbono scomparire il logo e le scritte di Protezione Civile!
    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    I servizi svolti dall'AVPCM nel 2011-2012
    Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 19:38
    Prima del terremoto:
    Assicurato la presenza a fianco degli agenti di P.M. nei cimiteri del Comune durante la ricorrenza dei Santi e dei Defunti.
    Assicurato la presenza nel 2011 e 2012 di oltre venti volontari AVPCM alla corsa podistica "La Vallazza".
    Causa le nevicate di Febbraio, si è partecipato al carnevale di Marmorta e di San Martino, l'edizione 2012 del carnevale di Molinella, per la neve non si è fatto.
    Dopo il terremoto:
    • Il 26 Maggio 2012, a Marmorta per i Funerali di Gerardo Cesaro, sette volontari sono intervenuti.
    • Dal 2 a 3 Giugno 2012, quattro o cinque volontari hanno operato a Portomaggiore, per turni, nelle Olimpiadi del Reno.
    • L'8 Giugno 2012 a Molinella, gara ciclistica di MTB, tredici volontari (ASA), hanno assicurato la sicurezza delle varie gare.
    • Il 16 Giugno, a San Pietro Capofiume, nella "Camminata del Giovannone ", cinque volontari impiegati.
    • Il 17 Giugno, a San Pietro Capofiume, nella gara ciclistica femminile, organizzata dal Mac Team, sette volontari erano presenti, insieme ai colleghi di Baricella, Bentivoglio, Malalbergo.
    • Dal 29 Giugno al 2 Luglio, per la Fiera di Molinella, quattro volontari per turni, hanno assicurato la vigilanza alle entrate delle manifestazioni.
    • Il 3 Luglio, per l'arrivo della tappa del Giro d'Italia Femminile, dieci volontari utilizzati (ASA), assieme ad una nutrita rappresentanza di colleghi (ASA) provenienti da Baricella, Bentivoglio, Malalbergo, Minerbio, con una partecipazione totale di oltre quaranta volontari. Il servizio di sicurezza predisposto dalle Forze dell'ordine e dai volontari è stato vivamente apprezzato dagli Organizzatori dell'evento.
    • Il 10 Luglio 2012, ai funerali di Massimo Ansaloni, tre nostri volontari sono stati operativi.
    • Dal 3 al 6 Agosto, quattro volontari per serata, a Marmorta, hanno operato per la sicurezza della Fiera.
    • Il 4 Novembre 2012 a Molinella 16 volontari AVPCM con 5 volontari di Minerbio sono stati impegnati durante lo svolgimento della Camminata "La Vallazza".
    • Sono poi da considerare le presenze dei nostri operatori alle Processioni di Molinella, Marmorta, San Martino in Argine, Guarda, sempre nei periodi sopra elencati.
    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    Spazio per l'antincendio
    Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 19:37
    Dobbiamo proprio dirlo, nonostante il terremoto, i tanti servizi di viabilità, il caldo torrido, grazie allo zelo ed alla professionalità del socio Ezio Chiarini, l’AVPCM ha assicurato i seguenti turni di avvistamento nell' antincendio boschivo estivo (A.I.B.) 2012;
    • Sabato 7 Luglio, a Monte Adone (Pianoro), con i volontari Chiarini Ezio e Tinti Ruggero.
    • Domenica 8 Luglio, a Monte Adone (Pianoro), con i volontari Surdo Antonino, Maltoni Francesco.
    Giova ricordare che il servizio di avvistamento A.I.B. nei punti fissi viene effettuato dai volontari di p.c. della Consulta di Bologna, in collegamento con il Corpo Forestale dello Stato, i Vigili del Fuoco, e le Autorità regionali preposte, nelle giornate del sabato e della domenica al pomeriggio dalle 14.00 alle ore 20.00.
    Quest'anno, complice il caldo eccezionale, la percentuale degli incendi nel periodo di massima allerta è cresciuto di oltre il 100%!   Per fortuna nelle nostre zone, salvo uno nel quartiere Barca di Bologna, si è trattato di incendi di sterpaglie di scarsa rilevanza.
    Corre pure l'obbligo di segnalare ai nostri lettori, che grazie all’AVPCM, le Associazioni di pianura, che non hanno problematiche forestali, dal 2005, effettuano il servizio di avvistamento antincendio boschivo estivo!
    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    Spazio notizie dal mondo ufficiale della P.C.
    Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 19:37
    Regione Emilia Romagna:
     
    Il 1 Luglio 2012, l'ing. Demetrio Egidi, Direttore generale  dell'Agenzia Regionale di P.C., è andato in pensione, al suo posto è  subentrato il dott. Maurizio Mainetti, da anni Vice Direttore.
     
    Per noi molinellesi, l'ing. Egidi, va annoverato tra i suoi  benemeriti, in quanto durante l'alluvione del Dicembre 1996, con le sue  "decisioni", Molinella fu salvata da sicura alluvione (testimonianza di  esperti idraulici di allora).
     
    Tra l'altro è venuto nel nostro Comune diverse volte a Convegni o  manifestazioni (l'ultima visita il 22 Gennaio 2011, in occasione dei 15  anni dell'AVPCM).
     
    A margine di queste considerazione, possiamo tranquillamente  affermare che egli ha contribuito a creare un sistema di protezione  civile regionale tra i più validi d'Italia (vedere la creazione delle  colonne mobili).
     
     
    La scomparsa dell’ex Assessore regionale alla p.c. Marioluigi Bruschini
     
    Dopo lunga malattia, il 14/2/2012.è deceduto il prof. Marioluigi  Bruschini di Piacenza, che per due legislature regionali, fino al 2010, è  stato Assessore alla sicurezza ambientale e della protezione civile,  incarico che ha espletato con molta competenza ed ottenendo anche  risultati molto qualificanti (la creazione dell'Agenzia regionale di  p.c.,   la realizzazione di alcuni Centri Unificati provinciali di p.c.,  la realizzazione a Bologna del magazzino- CREMM - e tante altre  realizzazioni.
     
    Almeno in un paio di occasioni, è venuto a Molinella, riscuotendo sempre nei suoi interventi pubblici, molti apprezzamenti.
     
     
    Dalla Consulta per il Volontariato di Bologna di P.C.
     
    Sono iniziati nel 2011 e proseguiti nel 2012 i Corsi Base per i  volontari di P.C., a tutt'oggi i partecipanti superano le duecento  persone.

    ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    I giovani e il volontariato
    Pubblicato: Giovedì, 11 Febbraio 2016 19:36
    Le  associazioni di volontariato si trovano, in questi anni, ad affrontare  un problema comune, la carenza di volontari giovani e la conseguente  mancanza di ricambio tra le proprie fila.
    Dall’ultimo rapporto biennale sul volontariato, redatto nel 2011  dall’Osservatorio Nazionale per il Volontariato, si evince come questa  situazione sia vissuta in maniera più o meno similare in tutto il Paese.
    Nel corso del 2008 in meno della metà (47,1%) delle organizzazioni di  volontariato esaminate erano presenti giovani al di sotto dei 31 anni  che svolgessero volontariato organizzato con continuità e dai dati ISTAT  per lo stesso anno si ha una stima di giovani impegnati in una  qualsiasi attività di volontariato (anche saltuario) che è intorno al  9%.
     
    Nel corso degli ultimi 15 anni il numero di volontari partecipanti in  modo continuativo all’interno delle associazioni è mediamente  diminuito, passando dalle 34 unità rilevate nel 1997 alle 18 del 2006,  in oltre metà delle associazioni il numero di partecipanti è inferiore  alle 20 unità, questo dato va associato al forte aumento del numero di  organizzazioni di volontariato, che hanno avuto un incremento negli  stessi anni di oltre il 50%.
    Il  calo del numero medio dei volontari continuativi porta alla presenza  di molte organizzazioni basate sull’impegno di pochi volontari, nelle  quali si trovano crescenti difficoltà nel creare rapporti con le  amministrazioni pubbliche e nella gestione di quanto riguarda la  burocrazia oltre a una minore visibilità e incisività nei confronti di  chi è esterno all’associazione.

    In cosa è da ricercare il basso attaccamento dei giovani nei confronti  del volontariato? Le cause sono molteplici, si va da una “cultura del  volontariato” carente a livello nazionale, a una minore sicurezza  economica per i più giovani che si traduce anche in una più difficile  propensione all’impegno volontario, fino a una scarsa conoscenza  dell’offerta delle organizzazioni e talvolta a causa di un coordinamento  delle organizzazioni stesse che risulta carente sia da un punto di  vista interno che esterno.
     
    Se vuoi inviarci la tua esperienza nei confronti del volontariato o un commento, inviaci un e-mail a: notizie@avpcm.org
     
     
    IV Rapporto – intermedio – biennale sul volontariato, II Volume (2011) disponibile all’indirizzo http://www.lavoro.gov.it/AnnoEuropeoVolontariato/mm/studi/

    ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    Volontario = Bene vero
    Pubblicato: Lunedì, 07 Gennaio 2013 20:58
    Molti  sanno cos’è la Protezione Civile, ma ciò che non sanno è che, farne  parte vuol dire essere parte integrante di una grande famiglia, dove si  impara, si insegna, si condivide, ma soprattutto si deve aver fiducia  dei propri compagni di squadra, questa è la base della grande famiglia  chiamata Protezione Civile. Qualcuno si domanderà; perché diventare un  volontario? Innanzitutto c’è da dire che volontario e supereroe non sono  dei sinonimi, al contrario essere un volontario vuol dire aiutare la  gente in difficoltà, vuol dire dare senza ricevere nulla in cambio. Chi  vi scrive è una semplice volontaria della Protezione Civile di Molinella  da poco meno di 2 mesi, ma non alla prima esperienza di volontariato.  Io ho iniziato ad essere un volontario 5 anni fà e da quel momento non  posso fare a meno di questa grande famiglia e dei semplici, ma tanto  gratificanti, “grazie” dalle popolazioni in difficoltà, che ti riempiono  il cuore e l’animo di gioia. C’è anche da dire che la Protezione Civile  non esiste solo nei momenti brutti e tragici della vita di una  popolazione, ma esiste sempre, dalla semplice ma preventiva sicurezza  dinanzi alle scuole, alla presenza nelle varie manifestazioni, ma  soprattutto nel cercare di educare le giovani generazioni all’importanza  della prevenzione e su come affrontare una qualsiasi situazione di  emergenza. Se per un attimo ci soffermassimo a pensare ad una vita senza  Protezione Civile non ci sarebbero bonifiche dei torrenti e dei canali,  quindi di conseguenza una città allagata, in caso di terremoto avremmo  cumuli di macerie e non sapremmo dove ricominciare a costruire, se non  ci fossero le tendopoli non avremmo un riparo sicuro dove stare in un  momento difficile. Infine, la risposta all’iniziale perché: DIVENTARE  VOLONTARI VUOL DIRE FARE DEL BENE VERO.

    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    Un caloroso ringraziamento alle volontarie delle crescentine
    Pubblicato: Lunedì, 07 Gennaio 2013 21:05
    È doveroso formulare da questa pagina un grandissimo elogio e un doveroso ringraziamento per le Signore volontarie che mirabilmente coordinate dalla signora Manuela della Supercarni Golinelli, più volte hanno organizzato durante le manifestazioni, un punto vendita di crescentine il cui ricavato è stato devoluto all'AVPCM.
    Ancora un grazie di cuore da tutti i volontari della Protezione Civile di Molinella.

    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    Riflessione finale
    Pubblicato: Lunedì, 07 Gennaio 2013 21:01
    Invitiamo i lettori a valutare tutto quello che l'AVPCM ha fatto, perché la lezione che si trae dagli eventi sopra descritti, è che la nostra Associazione, nel bene o nel male, in presenza di fatti ed eventi naturali straordinari, ha dovuto assicurare un maggior carico di lavoro (gratis), per aumentate esigenze ordinarie o di routine.
    Ora con il personale che ci troviamo (la maggior parte pensionati ed anziani), saremo anche per un prossimo futuro, in grado di assicurare questa mole di attività a favore della Comunità?

    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    Copyright © 2016-2018 A.V.P.C.M.
    Sito realizzato da Alex Reginato
    Torna ai contenuti